La Vergine delle Rocce di Leonardo nella versione, la prima, conservata al Louvre. Una seconda versione si trova invece alla National Gallery di Londra
La Vergine delle Rocce di Leonardo nella versione, la prima, conservata al Louvre. Una seconda versione si trova invece alla National Gallery di Londra

PARIGI – Ci sarebbe un cane con guinzaglio sotto la selva che sovrasta le figure umane nella Vergine delle Rocce, capolavoro di Leonardo custodito al Louvre di Parigi. Ad annunciarlo come scoperta è Silvano Vinceti, presidente del Comitato Nazionale per la Valorizzazione dei Beni Storici, che sottolinea: “Quel cane è l’atto di accusa di Leonardo Da Vinci contro la corruzione del Papato dell’epoca”.

Ma c’è chi dice no e subito smentisce, imputando l’immagine ritrovata a manipolazioni delle nuove tecnologie: è Alessandro Vezzosi, direttore del Museo Ideale di Vinci, che mette in guardia per l’appunto dagli abusi di “nuove tecnologie e di Internet per banali falsificazioni”, asserendo che quei cani sono più moderni e non attribuibili a leonardesca mano.

Con ordine. La scoperta, spiega Vinceti, si deve a Roberto Biggi, ricercatore del Comitato. “Si è giunti a questo risultato con un lavoro nuovo, attraverso l’uso misto delle tecnologie più avanzate e strumenti semplici – spiega – una lente di ingrandimento speciale ci ha permesso di riesaminare attentamente ogni particolare del dipinto e poi photoshop avanzato, un software che permette di fare sovrapposizioni, scomposizioni e ricomposizioni“.

A dare un senso all’immagine ritrovata, spiega ancora Vinceti, sono i concetti espressi dallo stesso Leonardo nel suo Trattato di Pittura. La figura nascosta sotto il fogliame, sostiene nella sua ricerca Silvano Vinceti, permette di dare una diversa lettura del dipinto.

Leonardo da Vinci, autoritratto
Leonardo da Vinci, autoritratto

“Per Leonardo – spiega – il cane ha un significato preciso, ‘per non disobbedire’, come scrive lui stesso in uno dei suoi fogli. Il guinzaglio poi è un’aggiunta perché rappresentava nelle cacce medievali e rinascimentali lo strumento che permetteva al feudatario di evitare che i cani mangiassero la preda. Per Leonardo quindi il cane con guinzaglio è il simbolo dell’uomo che deve obbedire a Dio, ai comandamenti divini, a Gesù, alla vita che Gesù ha incarnato perfettamente per esprimere  l’amore cristiano“. Una scoperta, aggiunge, che consoliderebbe l’interpretazione di Leonardo depositario di una religiosità rigorosa.

Leonardo espose le sue teorie pittoriche nel Trattato
Leonardo espose le sue teorie pittoriche nel Trattato

“Fino ad oggi i suoi dipinti sono stati affrontati da un punto di vista di tecnica e di stile pittorico – argomenta Vinceti  -, ma è sfuggito il fatto che Leonardo, attraverso la loro composizione, realizzi una narrazione, esprima un pensiero che si fa immagine. Quando scrive ‘la pittura è il bello che veste il vero‘ indica chiaramente le sue intenzioni. Leonardo non  poteva esprimere certe critiche nei confronti del Papato, perché allora c’erano Innocenzo VIII, Alessandro VI, il Borgia e soprattutto c’era l’Inquisizione“.

Da qui l’idea che Leonardo esprimesse quindi la sua critica al papato dell’epoca con il linguaggio iconografico: “Quel cane con guinzaglio messo sopra san Giovanni Battista nella composizione è l’atto d’accusa che Leonardo fa della corruzione del papato di allora che privilegiava il potere temporale rispetto a quello spirituale – conclude Vinceti -. Leonardo  utilizza il dipinto per esprimere il suo pensiero e la richiesta di un rigoroso cristianesimo che riprenda l’esempio di Dio per i comandamenti e di Gesù come espresso nei Vangeli”.

Di tutt’altro avviso Vezzosi, che parla di “manipolazione moderna” rilevando intanto una differenza di risoluzione di quel frammento di immagine, e poi il fatto che il pennello di Leonardo non poteva certo dipingere il golden retriever che apparirebbe sulla tela, dato che la razza è stata introdotta in epoca successiva.

Acquista Online su SorgenteNatura.it
Condividilo!