Totò con il suo cane Dick
Totò con il suo cane Dick

NAPOLI – Si moltiplicano, a Napoli, le celebrazioni per i 50 anni dalla morte del grande Totò. E grande è, tra le varie iniziative, la mostra antologica Totò Genio che fino al 9 luglio prossimo è ospitata in diversi luoghi della città con tre esposizioni che raccontano i mille volti del principe De Curtis.

Tra queste c’è la mostra Dentro Totò, allestita nel Convento di San Domenico Maggiore e rivelatrice di un Totò “più privato”. Qui è raccontato il suo grande amore per Franca Faldini, compagna degli ultimi 15 anni di vita, il suo legame con Napoli e anche il suo amore per gli animali. Tra le ”chicche” esposte le poesie dedicate al suo cane Dick per un artista che ha spesso paragonato i cani a una via di mezzo tra gli angeli e i bambini.

E’ un aspetto della vita poco esplorato, quello del rapporto tra Antonio De Curtis in arte Totò e il mondo dei quattro zampe, ma non per questo privo di rilievo. A Roma, Totò giunse addirittura a rilevare un rifugio che ospitava 150 randagi, rendendolo una struttura all’avanguardia per gli anni Sessanta. E Dick, il suo cane di casa, ‘musetto’ ispiratore di tante poesie oggi in mostra. Una ve la regaliamo anche noi qui sotto.

Dick

Tengo ‘nu cane ch’è fenomenale,
se chiama “Dick”, ‘o voglio bene assaie.
Si perdere l’avesse? Nun sia maie!
Per me sarebbe un lutto nazionale.

Ll ‘aggio crisciuto comm’a ‘nu guaglione,
cu zucchero, biscotte e papparelle;
ll’aggio tirato su cu ‘e mmullechelle
e ll’aggio dato buona educazione.

Gnorsì, mo è gruosso.è quase giuvinotto.
Capisce tutto… Ile manca ‘a parola.
è cane ‘e razza, tene bbona scola,
è lupo alsaziano,è polizziotto.

Chello ca mo ve conto è molto bello.
In casa ha stabilito ‘a gerarchia.
Vo’ bene ‘ a mamma ch’è ‘a signora mia,
e a figliemo isso ‘o tratta da fratello.

‘E me se penza ca lle songo ‘o pate:
si ‘o guardo dinto a ll’uocchiemme capisce,
appizza ‘e rrecchie, corre, m’ubbidisce,
e pe’ fa’ ‘e pressa torna senza fiato.

Ogn’anno, ‘int’a ll’estate, va in amore,
s’appecundrisce e mette ‘o musso sotto.
St’anno s’è ‘nnammurato ‘e na basotta
ca nun ne vo’ sapè: nun è in calore.

Povero Dick, soffre ‘e che manera!
Porta pur’isso mpietto stu dulore:
è cane, si … . ma tene pure ‘o core
e ‘o sango dinto ‘e vvene… vo ‘a mugliera…

 

Acquista Online su SorgenteNatura.it
Condividilo!